Febbraio dedicato al valore della lingua madre

Il 21 febbraio si celebra la Giornata Internazionale Della Lingua Madre, istituita dall’UNESCO per promuovere la madrelingua, la diversità culturale e il multilinguismo. Una ricorrenza che si inserisce perfettamente tra gli obiettivi dell’Agenda Europea da raggiungere entro il 2030.

Le lingue ufficiali del mondo sono 141, ma tra commistioni, dialetti e varianti locali sono circa 6.700 gli idiomi parlate sul nostro pianeta. Ciò rappresenta un tesoro preziosissimo perché le lingue non rappresentano solo un modo di comunicare, ma riflettono tradizioni, culture e forme di pensiero di un popolo.

La lingua madre è la lingua del cuore, delle emozioni e degli affetti primari. Per un bambino è la lingua delle prime esperienze, dei giochi, delle ninne nanne e dei primi racconti. Il codice materno contiene espressioni e voci articolate che consolano, sgridano, rassicurano, formano, incoraggiano e influenzano la nostra storia e l’immagine del mondo che grazie ad esse ci creiamo.

Noi alla SE Vincenzo e Diego de Castro Pirano dedichiamo tutto il mese di febbraio alla Lingua Madre per conoscere, riconoscere e valorizzare le lingue del nostro vivere quotidiano e riflettere sui cambiamenti in corso nella nostra società. Il valore delle lingue diverse da quelle maggioritarie e la loro importanza vengono riconosciute con difficoltà, la loro tutela e valorizzazione, invece, sono importanti anche per dare contenuti reali alla democrazia.

 

GENNAIO DEDICATO AL VALORE DELLA MEMORIA

Gennaio è stato un mese di riflessioni e apprendimento, dedicato interamente al valore della memoria. Tante le iniziative e attività portate avanti dai nostri insegnanti, anche in collaborazione con l’Istituto dell’Educazione, per sensibilizzare i giovani a tutti gli aspetti del tema della memoria, per aiutarli a sviluppare un pensiero civico e una personalità pensante e per non rimanere indifferenti di fronte al male e alle ingiustizie.

Un percorso di educazione alla memoria risulta assolutamente necessario, vista la realtà dei fatti che abbiamo intorno, viste le notizie che quotidianamente occupano le pagine dei giornali.

La nostra scuola, attraverso il dialogo, la trasmissione di valori e la partecipazione ad eventi e progetti come la visione del film di Claudio Bisio ”L’ultima volta che siamo stati bambini”, il progetto Eksena dedicato all’amicizia e alla tolleranza, laboratori creativi volti al rispetto delle diversità, desidera contribuire ad educare le nuove generazioni, affinché possano costruire una società migliore, basata sulla pace e sul rispetto reciproco.

ISCRIZIONI IN PRIMA CLASSE

In vista delle iscrizioni per l’anno scolastico 2024/2025, siamo lieti di invitare genitori e bambini alle nostre giornate dalle porte aperte, per presentarvi gli ambienti scolastici, partecipare a laboratori creativi, incontrare gli insegnanti e passare qualche ora in nostra compagnia.

Per la presentazione dell’offerta formativa e delle specificità della nostra scuola invece, invitiamo i genitori a partecipare alla riunione, che si terrà a S. Lucia martedì 16 gennaio alle ore 17.00 e a Sicciole giovedì 18 gennaio sempre alle ore 17.00.

Vi aspettiamo!

Il tempo scorre inevitabilmente e ci sta portando verso la fine di quest’anno ricco di nuove
esperienze, ostacoli superati ed entusiasmanti avventure sia a scuola che nel contesto familiare.
Tra qualche settimana inizieranno le festività e con esse un periodo magico ricco di buoni
propositi e pensieri affettuosi. È il periodo dei regali, del calore e dell’amore, espressi con parole,
messaggi e doni.

Quest’anno organizzeremo il mercatino natalizio nella nostra sede di Sicciole. Vi invitiamo ad un
piacevole momento di socialità e convivialità, circondati da una varietà di pensierini realizzati dai
nostri alunni, martedì 19 dicembre 2023, dalle 17:00 alle 19.00 . Potrete arricchire i vostri
auguri e doni con oggetti unici, che hanno un valore speciale in quanto frutto dell’impegno e
della gioia dei vostri figli. Il nostro obiettivo è raccogliere fondi per coprire in parte le spese dei
trasporti, gite e escursioni per quegli alunni che altrimenti non potrebbero partecipare a queste
attività straordinarie.

Siete calorosamente invitati

Gli insegnanti e gli alunni della Vincenzo e Diego de Castro!

I VALORI DEL MESE DI NOVEMBRE: GENTILEZZA E TOLLERANZA

 

Nel mese di novembre abbiamo svolto diversi percorsi educativi incentrati su gentilezza-tolleranza-diritti dell’infanzia.

Uno di questi è stato l’adesione al progetto promosso dal centro istruttivo Izobraževalni Center Eksena dedicato alla giornata internazionale della tolleranza (16 novembre).

Il tema del progetto di quest’anno è:

STOP ALLA COMUNICAZIONE OSTILE – RISPETTIAMO LE DIFFERENZE TRA NOI / STOP SOVRAŽNEMU GOVORU – SPOŠTUJMO RAZLIKE MED NAMI

Svolgendo attività mirate al rinforzo degli atteggiamenti positivi e al miglioramento dei rapporti interpersonali seguiamo i principi del Libro bianco sull’educazione e istruzione e dell’Agenda ONU 2030 quali l’accettazione e la comprensione delle differenze, il rispetto della diversità e la cooperazione con gli altri, l’educazione alla tolleranza reciproca e alla solidarietà per una convivenza pacifica nel rispetto degli altri esseri umani.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • La realizzazione in pratica dei diritti umani e dei diritti dell’infanzia
  • La concretizzazione di rapporti tolleranti con il passaggio degli obiettivi dal livello dichiarativo ad un livello operativo – dove si costruisce l’amicizia, l’accettazione delle differenze reciproche e il rispetto
  • Creare consapevolezza del senso dei rapporti tolleranti nella nostra società
  • Riconoscere l’intolleranza, il suo funzionamento e le conseguenze che da essa derivano
  • Costruire una società creativa e non distruttiva

In tutte e tre le classi, durante le ore di italiano e sloveno, abbiamo trattato il libro Qualcos’Altro – Drugačen di Kathryn Cave (titolo originale Something Else), che nel 1997 ha ricevuto il premio UNESCO per l’incoraggiamento alla tolleranza.

In seconda abbiamo trattato anche l’albo illustrato Il potere delle parole di Fabiana Ottaviani.

Durante le ore di inglese invece, l’albo illustrato All Kinds of Families  di Suzanne Lang.

OTTOBRE DEDICATO AL VALORE DEL SAPERE

 
Lo scrittore Angelo Floramo dice che ”i libri hanno la capacità di custodire i sospiri dell’umanità”.

La ricchezza dei libri e della lettura ci rendono liberi. È la conoscenza che ci rende veramente liberi e privi di vincoli e imposizioni. Colui che sa, è capace di sostenere il proprio pensiero senza farsi influenzare dagli altri.

Sono questi gli insegnamenti che i nostri docenti hanno appreso nel corso della visita alla Biblioteca Guarneriana, organizzata durante il Seminario di lingua e cultura italiana e che vogliamo trasferire ai nostri alunni.

Per questo motivo, anche attraverso il progetto di lettura SegnaLibro, oltre alle tante altre attività svolte dai nostri insegnanti, che vanno oltre il mero programma curricolare, desideriamo promuovere il valore del SAPERE, per una più approfondita conoscenza del mondo, di se stessi e degli altri.

ACCOGLIENZA, UN TEMA UNESCO TRATTATO A SETTEMBRE

Quest’anno nella nostra scuola, abbiamo introdotto un approccio mensile a diversi temi UNESCO, e il mese di settembre è stato dedicato all’accoglienza. Gli alunni hanno esplorato questo argomento in diverse materie, tra cui le ore di capoclassato, società, lingua italiana e altre lingue, cultura civica, cittadinanza ed etica, e in varie occasioni speciali.

Ad esempio, nella quarta classe a Sicciole, abbiamo condotto diversi dibattiti sul tema dell’accoglienza. Abbiamo anche discusso dell’argomento durante una visita al Cineplexx di Capodistria insieme alla quarta classe di Pirano, dove abbiamo visto il film animato “Just Super” del regista norvegese Rasmus A. Sivertsen. Questo cartone narra la storia di Hedvig, una bambina undicenne improvvisamente chiamata a diventare il supereroe della città, nonostante non possieda le abilità tipiche dei supereroi. Il film trasmette un messaggio importante: non è necessario essere supereroi per essere straordinari; ognuno è speciale a modo suo e non dovrebbe sentirsi obbligato a soddisfare le aspettative degli altri. Questo messaggio sottolinea l’importanza di accogliere e abbracciare la diversità, e ci ha mostrato quanto sia essenziale promuovere una mentalità inclusiva e aperta nella nostra comunità scolastica.

Durante le lezioni di italiano e arte, abbiamo commemorato Tolkien, il padre del fantasy moderno, nel cinquantesimo anniversario della sua morte, esplorando la sua biografia e le sue opere. Gli alunni hanno anche creato un cartellone e hanno guardato la prima parte del film “Il Signore degli Anelli – La Compagnia dell’Anello”. Anche in questo contesto, abbiamo affrontato il valore dell’accoglienza, poiché la Compagnia era composta da hobbit, nani, elfi, maghi e uomini, tutti uniti per salvare insieme la Terra di Mezzo. Questo è stato un potente esempio di come l’unità, anche tra persone diverse, ci arricchisce e ci rende più forti.

Queste esperienze educative insegnano agli alunni che l’accoglienza, riconosciuta dall’UNESCO, svolge un ruolo cruciale nella costruzione di una comunità globale inclusiva, promuovendo il rispetto reciproco e la comprensione tra diverse culture.
Ins. Romina K.